Crea sito

Inizia la Fase 3: obbligo di segnalare l’arrivo in Calabria, ma niente quarantena

Dal 3 giugno chi arriva in Calabria avrà l’obbligo di autosegnalarsi ma non più di fare la quarantena domiciliare.

Lo stabilisce un’ordinanza, la 49, firmata oggi dal Presidente della Giunta regionale della Regione Jole Santelli.

Cessano di avere effetto tutte le misure limitative relative agli spostamenti interregionali. Le persone che arriveranno in Calabria, anche per soggiornarvi temporaneamente, dovranno registrarsi prima del proprio arrivo, attraverso il portale www.rcovid19.it, indicando luogo di provenienza, luogo di destinazione principale, periodo di soggiorno, impegnandosi a comunicare al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale territorialmente competente eventuale comparsa di sintomi COVID-19.

 Resta fermo il divieto di ingresso e spostamento alle persone sottoposte alla misura dell’isolamento domiciliare per provvedimento dell’Autorità Sanitaria risultate positive al SARS-CoV-2/COVID-19.

 Resta vietato l’assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico. E’ fatto obbligo del rispetto delle misure igieniche, della distanza interpersonale e dell’uso delle mascherine o altra protezione a copertura di naso e bocca, in tutti i luoghi chiusi e nelle circostanze in cui la distanza interpersonale non possa essere rispettata. Possono essere utilizzate mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso. Sono esentati dall’obbligo di usare protezioni delle vie respiratorie, i bambini sotto i sei anni e i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina, ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti.

===========================================================================================

Fonte: IL DISPACCIO-Reggio Calabria

Sito: www.ildispaccio.it

Link Articolo: http://ildispaccio.it/calabria/246139-inizia-la-fase-3-obbligo-di-segnalare-l-arrivo-in-calabria-ma-niente-quarantena

Diamante (Cs), a Cirella “Calici sotto le stelle”. Lopa: “Utilizzare il settore vinicolo come canale divulgativo della cultura del territorio”

“Oggi la qualità dei vini del Sud non teme confronti con gli altri territori potendo anzi giocare un asso in più, quello della mineralità che regala l’impronta di una tipicità inconfondibile, capace di sposare sia la gastronomia classica con il rosso, sia quella, più moderna, dell’alta ristorazione o della Costa con il rosato e con il bianco, ma principalmente il recupero di vitigni autoctoni, rappresenta un punto forte per la promozione della qualità delle nostre produzioni vitivinicole. Utilizzare il settore vinicolo come canale divulgativo della cultura del territorio. Dare visibilità ad un patrimonio enologico non adeguatamente valorizzato, è questo l’obiettivo, e parlare della competizione internazionale e della necessità di fare sistema, per difendere i prezzi all’origine occorre un’intesa di filiera. Un appuntamento estivo importante quello di Calici sotto le Stelle a Cirella, magistralmente organizzato dal padron dell’evento, Francesco Errico, Presidente dell’Associazione Culturale CERILLAE, perché il vino, e la grande realtà economica che c’è dietro, rappresenta sempre più una risorsa strategica per il nostro Paese, un biglietto da visita inequivocabile del nostro Made in Italy. Stiamo andando verso un progetto in cui le enoteche regionali, siano sempre più un network in grado di diffondere un prodotto di qualità e di prezzo, sia in Italia che all’estero, per favorire chi vuole comprare italiano,Calabrese e Campano in particolare”.
Così il Portavoce della Consulta Nazionale dell’Agricoltura, già Delegato al settore Agricoltura della Provincia di Napoli,componente del Dipartimento Nazionale Ambiente Agroalimentare Alimentazione Acqua Biodiversità Pesca Risorsa Mare Ristorazione Servizi mns. Rosario Lopa, presenziando alla manifestazione tenutasi a Cirella Diamante, Cosenza.

Fonte: Ildispaccio.it

Presentato a San Giovanni in Fiore il corto di Antonucci sui fratelli Bandiera

“La comunità florense ha partecipato numerosa ieri sera alla proiezione, presso i Magazzini Badiali, del cortometraggio “Grido di Libertà- La straordinaria spedizione in Calabria dei fratelli Bandiera” scritto e diretto dal regista Angelo Antonucci che ringrazio, insieme al presidente uscente della Film Commission, Giuseppe Citrigno, per avere scelto la nostra città per la presentazione ufficiale del lavoro di grande valenza storico/documentaria”. E’ quanto afferma l’assessore alla cultura, Milena Lopez, plaudendo al lavoro del maestro Antonucci, patrocinato dal Comune di San Giovanni in Fiore, e alla Film Commission a guida Citrigno il cui rilancio, grazie anche alla legge sul cinema approvata dal passato governo Regionale, ha determinato in questi ultimi cinque anni il rilancio della Calabria come set cinematografico con un notevole indotto lavorativo ed economico a contorno

“Il corto – prosegue Milena Lopez – racconta uno degli episodi più importanti del Risorgimento italiano, ossia la spedizione in Calabria dei Fratelli Attilio ed Emilio Bandiera nel 1844 che fecero germogliare in Calabria e in provincia di Cosenza le agitazioni e i movimenti che, il 17 marzo 1861, portarono all’Unità d’Italia. Il corto, dunque, ha il merito di rendere riconoscibile il ruolo simbolico che la Calabria ed il nostro territorio hanno avuto nella storia del Risorgimento italiano, a favore dell’unità del nostro Paese”.

Più in generale – prosegue l’assessore Lopez – l’iniziativa che abbiamo avuto il privilegio di ospitare accende i riflettori sulla importanza della conoscenza della storia e del nostro passato, per cui si inserisce a pieno titolo nel percorso che il mio assessorato ha portato avanti in questi cinque anni e volto, appunto, alla valorizzazione della nostra identità culturale e delle nostre radici per renderle immediatamente fruibile alle nuove generazioni al fine di poter meglio affrontare e vincere le sfide del presente e del futuro. Con questa convinzione, in questi anni abbiamo organizzato e attuato progetti culturali volti alla promozione e divulgazione della nostra identità culturale, anche attraverso la realizzazione di cortei e ricostruzioni storiche, la maggior parte dei quali legati, per ovvi motivi, alla figura di Gioacchino da Fiore come, per fare un solo esempio, la manifestazione “Tradizioni rurali e atmosfere medievali: I luoghi di Gioacchino da Fiore”.Seguendo questo indirizzo culturale non abbiamo, però, dimenticato altri episodi e momenti storici di cui è stato protagonista il popolo sangiovannese ed il nostro territorio. Tra questi ultimi abbiamo dato spazio, quindi, anche ai Fratelli Bandiera a cui nel 2017, abbiamo dedicato la manifestazione “Primavera tricolore”, nel corso della quale è stata fatta apporre una lapide in ricordo dei Fratelli Bandiera presso piazza Abate Gioacchino, su proposta dell’associazione Impegno Civile, ed allestita una mostra documentaria presso la biblioteca comunale sui temi del Risorgimento e dell’Unità d’Italia. Nel 2018, invece, abbiamo collaborato e dato il Patrocinio del Comune alla pro Loco di Rovito per il corteo storico sui Fratelli Bandiera e lo scorso anno, infine, a 200 anni dalla nascita di Emilio Bandiera, abbiamo ricordato i due martiri del Risorgimento Italiano, avviando un progetto per la definizione del sentiero attraversato dai fratelli Bandiera prigionieri della guardia urbana di San Giovanni in Fiore, verso Palazzo Lopez, dove furono tenuti prigionieri. In quella occasione è stata patrocinata l’escursione della Uisp, sezione di Catanzaro, che ha ripercorso l’ultima parte del probabile itinerario seguito da Attilio ed Emilio Bandiera, ricostruito dall’appassionato escursionista Michele Belcastro di San Giovanni in Fiore”. “L’obiettivo era quello di tutelare e valorizzare questo percorso di riconosciuto valore storico e culturale – conclude Milena Lopez – che oggi, con la strada spianata dalla Giunta Belcastro, ci auguriamo possa perseguire la prossima amministrazione comunale, riconoscendone il pregio e la validità”.

Fonte: IL DISPACCIO-REGGIO CALABRIA : www.ildispaccio.it

link articolo: https://ildispaccio.it/celluloide/50-cosenza/253420-presentato-a-san-giovanni-in-fiore-il-corto-di-antonucci-sui-fratelli-bandiera

Tropea capitale italiana della cultura 2022, Pegna: “Candidatura va sostenuta con convinzione”

“La candidatura di Tropea a Capitale Italiana della Cultura 2022 va sostenuta con forza e convinzione, perché significherebbe accendere i riflettori su uno dei luoghi più belli, ospitali e incantevoli d’Europa. Tropea è il cuore dell’immagine turistica e culturale della Calabria e delle bellezze naturali e paesaggistiche dell’intero Paese; quelle che lo rendono unico al mondo per la sua costa, i suoi borghi e monumenti, le condizioni metereologiche, la storia e, innanzitutto la Cultura.

Tropea è una Città dalle origini straordinarie, vera cartolina del patrimonio naturale e ambientale della Calabria e dell’Italia, esso stesso fattore culturale di straordinaria importanza, in un’epoca in cui le tematiche della salute, dell’ambiente, della salvaguardia dello stesso pianeta, sono priorità assoluta.

Credo che, almeno in questa circostanza, bisogna guardare all’incomparabile bellezza di Tropea come ricchezza universale e, quindi, meritevole di essere il palcoscenico nazionale e internazionale di una designazione determinante per la crescita dell’intera regione, meritevole ogni tanto della giusta attenzione, del Sud e, quindi, dell’intero Paese.

E’ un momento di fondamentale importanza per la Calabria e, in un’occasione così prestigiosa, ogni forza possibile deve concorrere a questo straordinario risultato.

Tropea, perla del Mediterraneo, è essa stessa cartolina e manifesto di cultura della vita, dell’ambiente, della fede, di un futuro sostenibile in cui uomo e natura possano convivere, nuovamente, in un vero paradiso terrestre. Con il suo splendore apprezzato da turisti di tutti i continenti, Tropea né è già luogo reale, inimitabile modello, capitale indubbia di civiltà e culture condivise”.

Lo afferma, in una nota, il promoter calabrese Ruggero Pegna.

Fonte: IL DISPACCIO/REGGIO CALABRIA – Grazie

Link articolo: http://ildispaccio.it/vibo-valentia/250511-tropea-capitale-italiana-della-cultura-2022-pegna-candidatura-va-sostenuta-con-convinzione

Foto: acquisita da Facebook- Gruppo di Tropea a 360 per tutti in vetrina = Grazie

In Senato la presentazione del Peperoncino Festival 2020

Il Peperoncino a Palazzo Madama per la conferenza stampa del Peperoncino Festival. Mercoledì prossimo, alle ore 16, appuntamento nella Sala Nassiriya con Enzo Monaco patron del festival, il sindaco di Diamante, il Senatore Ernesto Magorno e il presidente della Commissione agricoltura il Senatore Gianpaolo Vallardi.

Dopo i saluti istituzionali la presentazione ufficiale del Festival che quest’anno comincerà il 5 Settembre al Teatro dei Ruderi di Cirella e si concluderà il 13 a Diamante.

“Nove giornate invece di cinque, dice Enzo Monaco, per dilatare i tempi e consentire flussi più ordinati. Con molte location in più per dilatare anche gli spazi”Un’edizione particolare e diversa, aggiunge Monaco, che dopo il covid19 vogliamo fare con grande attenzione per la sicurezza e la salute dei cittadini”.

Dopo la conferenza stampa di Roma, appuntamento il giorno dopo a Rieti dove si sta svolgendo la “Fiera Campionaria mondiale dei peperoncini” dove Enzo Monaco farà una seconda conferenza stampa sul Peperoncino Festival di Diamante.

Gli incontri di presentazione dell’evento di Diamante proseguiranno con un appuntamento il 2 Agosto alla Venecy Art Gallery di Venezia nel quale relazioneranno il Prof. Giorgio Grasso e il prof. Guido Stecchi dell’Università di Parma.

Fonte: IL DISPACCIO – REGGIO CALABRIA

Link Articolo:http://ildispaccio.it/agora/40-cosenza/250421-in-senato-la-presentazione-del-peperoncino-festival-2020

Riparte “Fatti Di Musica 2020” con Vinicio Capossela e Renzo Arbore a Diamante

Dopo il blocco per il Covid19 riparte “Fatti di Musica 2020”, la trentaquattresima edizione del Festival del Miglior Live d’Autore ideato e organizzato da Ruggero Pegna.

Iniziato regolarmente con ben 4 eventi tra gennaio e febbraio, tra cui il megaconcerto di Mika al Palacalafiore di Reggio, l’improvvisa pandemia ne aveva fermato la programmazione.

Oggi arriva l’attesa conferma dei prossimi appuntamenti previsti al Teatro dei Ruderi dell’Area Archeologica di Cirella Antica a Diamante, uno dei luoghi più incantevoli della Calabria. Non a caso uno degli slogan dello storico Festival è “Spettacoli straordinari in location spettacolari”.

I due appuntamenti confermati sono il concerto di Vinicio Capossela, martedì 11 agosto e quello di Renzo Arbore con l’Orchestra Italiana mercoledì 19 agosto. Entrambi inizieranno alle ore 21.30. I biglietti sono regolarmente in vendita online su Ticketone e nei punti Ticketone autorizzati, con il distanziamento di un metro e le misure anti contagio previste dal DPCM ad oggi in vigore.
Per Vinicio Capossela si tratterà dell’unica tappa in Calabria di “Pandemonium”, come il titolo del diario online che il geniale musicista e cantautore teneva durante la pandemia.

“Da Pan (tutto), e demonio: tutto demonio, in opposizione a pan theos, tutto Dio”, dice l’artista. “Un concertato per tutti i demoni, accompagnato da un insieme di strumenti musicali che evocano il Pandemonium, mitico strumento gigantesco, del tipo dell’organo da fiera, completamente realizzato in metallo. A costruire il “Pandemonium” sembra siano stati i sudditi del re Laurino, esseri di piccola statura, abitanti di un regno sotterraneo in grande confidenza con l’estrazione mineraria. Questa origine ctonia conferirebbe un tono grave allo strumento che tiene a bassa quota lo spirito relegando ritmi e armonie a una dimensione infera, primitiva; i suoni che da esso si propagano non si elevano al cielo, ma sembrano sprofondare nella terra, a tiro del fuoco perenne, in un rimestamento che è lavorio della memoria continuamente sollecitata al fuoco bianco”.

Pandemonium è un concerto narrativo con canzoni messe a nudo, scelte liberamente in un repertorio che quest’anno va a compiere i trent’anni dalla data di pubblicazione del primo disco “all’una e trentacinque circa” (1990).
“Il demone a cui mi riferisco in questo Pandemoium è il dáimōn dei greci. L’essenza dell’anima imprigionata dal corpo che è il tramite tra umano e divino. Il destino legato all’indole, e quindi al carattere. Pan Daimon, tutti i demoni che fanno la complessità della nostra natura, tutte le stanze di cui è composto il bordello del nostro cuore.”, aggiunge Capossela, sempre unico e imprevedibile. Il concerto di Renzo Arbore con la mitica Orchestra Italiana del 19 agosto sarà l’anteprima di presentazione ufficiale del Festival vero e proprio che si svolgerà in Piazza XV Marzo di Cosenza dal 4 al 13 settembre.

“Finalmente si riparte – spiega Pegna – con una serie di appuntamenti di qualità e risonanza, in linea con le ultratrentennali scelte artistiche del mio festival, che hanno sempre assicurato al pubblico calabrese, e non solo, alcuni degli spettacoli più belli, prestigiosi e attesi, alcuni internazionali già irripetibili. I due appuntamenti a Cirella di Diamante faranno da prologo alla sezione centrale del Festival, con la consegna dei riconoscimenti, che si svolgerà dal 4 al 13 settembre in Piazza XV marzo di Cosenza, cuore di uno dei Centri Storici più belli e suggestivi d’Italia, con media partner ufficiale Rai Radio Tutta Italiana, la nuova piattaforma della rai che si avvale di nuove tecnologie di trasmissione, anche audio/video attraverso la pagina facebook ufficiale e in streaming su Rai Play. Saranno dieci eventi consecutivi presentati e premiati con il Riccio d’Argento del nostro celebre orafo Gerardo Sacco, oramai l’autentico oscar del Live. Tutto il programma e ogni dettaglio della kermesse che si svolgerà a Cosenza saranno presentati nei prossimi giorni in conferenza stampa. Per il momento ringrazio il sindaco Mario Occhiuto e l’assessore Rosaria Succurro per la disponibilità della splendida location e la collaborazione, nonché la Rai, media partner del Festival. Sarà un evento davvero eccezionale!”.

Fonte: IL DISPACCIO-REGGIO CALABRIA

Link Articolo: http://ildispaccio.it:81/fronte-del-palco/45-cosenza/250237-riparte-fatti-di-musica-2020-con-vinicio-capossela-e-renzo-arbore-a-diamante

Cosenza, arriva in Tv “The Keepers” il cortometraggio patrocinato dall’assessorato al turismo e marketing territoriale e girato al Castello Svevo

Sarà trasmesso martedì 21 luglio, alle ore 21,00, su TEN (Teleuropa Network) il cortometraggio “The Keepers” prodotto dalla Redfin Production con il patrocinio del Comune di Cosenza e dall’Assessorato al turismo e marketing territoriale guidato da Rosaria Succurro. “The Keepers” è un thriller storico, incentrato sulla figura dell’imperatore Federico II di Svevia. Nato da un’idea di Ermanno Reda, il corto è frutto di un laboratorio cinematografico durato sei mesi, realizzato a Cosenza nel 2019 e patrocinato dal Comune. “Quando abbiamo deciso di patrocinare l’iniziativa della Redfin Production” – sottolinea l’Assessore Rosaria Succurro – lo abbiamo fatto con la consapevolezza di incrementare i flussi turistici nella nostra città, con particolare riferimento al cosìddetto cineturismo che in molte realtà regionali (dalla Puglia alla Basilicata) non solo ha attecchito notevolmente, ma ha creato le premesse per veicolare flussi turistici sempre più consistenti. Dovevamo proiettare il cortometraggio in una manifestazione pubblica, poi il lockdown ha fermato tutto. Ora, in attesa di proiettarlo pubblicamente, lo vedremo in anteprima su TEN”.PUBBLICITÀ

Molto soddisfatto per il risultato conseguito Ermanno Reda che ha avuto per primo l’idea di realizzare “The Keepers”. “Sono molto felice di aver coinvolto in questo corto un gruppo di neofiti, affascinati dal mondo del cinema. Lavorare con attori non professionisti richiede uno sforzo sicuramente maggiore, ma è stato appagante constatare quanta passione esiste dietro l’entusiasmo che ognuno di loro ha profuso a piene mani”. La storia, frutto della sceneggiatura di Gianfranco Confessore (anche direttore della fotografia del corto) ha i contorni di una vera e propria spy story che prende le mosse dalla storia della città. Lo script di Confessore, esperto di effetti visivi cinematografici, si fonda, come detto, sulla figura di Federico II di Svevia attorno alla quale si intrecciano aspetti che spaziano dalla storia al mistero, dalla suspense al misticismo. Le scene del corto sono state girate interamente a Cosenza e le riprese si sono svolte prevalentemente al Castello Svevo. Il cast di “The Keepers” è composto nella sua totalità dagli allievi del laboratorio cinematografico : Rosanna Labonia, Maria Loredana Ambrosio, Enza Chirumbolo, Francesca Pecora, Milena Occhiuto, Maria Gaia Pagano, Alessandra Greco, Fernanda Perrone, Francesca Gaudio, Luca Aiello, Donato Buccieri, Luca Bruno, Cinzia Pandolfo, Agnes Csipai, Emanuel Reda, Ermanno Reda, Paolo Peluso ed Elisa Reda. Alla realizzazione hanno fornito il loro contributo anche Francesco Silipo, responsabile del suono, la stilista Vincenza Salvino che ha realizzato il costume di Federico II, Luigia Granata che ha fornito i suggestivi abiti storici, lo storico Stefano Vecchione, autore del libro “Federico II a Cosenza” che prestato la sua consulenza.

E mentre si attende l’anteprima di “The Keepers” martedì 21 luglio su Ten, già si comincia a parlare del suo seguito che sembrerebbe già essere attenzionato dalla piattaforma Netflix. Un seguito al quale dovrebbe prendere parte un cast di attori professionisti, tra i quali si fanno i nomi di Corinne Clery, Orso Maria Guerrini, Marina Suma, Isabel Russinova, Ixie Darkonn, Natalia Simonova e, ancora, i calabresi Alessandra Aulicino, Costantino Comito, Paolo Mauro, Marco Tiesi, Francesco Bossio e Antonello Lombardo.

Fonte: IL DISPACCIO/ REGGIO CALABRIA : www.ildispaccio.it

Link articolo: http://ildispaccio.it/cosenza/249658-cosenza-arriva-in-tv-the-keepers-il-cortometraggio-patrocinato-dall-assessorato-al-turismo-e-marketing-territoriale-e-girato-al-castello-svevo

Creato Venerdì, 17 Luglio 2020 16:53

Diamante (Cs), Magorno (Iv): “Grande adesione di sindaci alla manifestazione con la ministra Bonetti”

“Tra poche ore la Ministra della Famiglia e delle Pari Opportunità, Elena Bonetti, sarà a Diamante per parlare delle misure realizzate a sostegno delle famiglie. Azioni importanti che l’Italia attendeva da tempo, misure che sono nate sul palco della Leopolda. Sono particolarmente felice della grande adesione arrivata dai Sindaci calabresi che domani saranno presenti in gran numero nella nostra città, a loro va il mio ringraziamento, il lavoro dei Sindaci in questi mesi è stato fondamentale per la tenuta dell’Italia intera e l’appuntamento di domani con la Ministra Bonetti sarà un momento molto importante per tutti”.
Così il Senatore IV e Sindaco di Diamante, Ernesto Magorno, sull’appuntamento di domani a Diamante con la Ministra, Elena Bonetti.

Fonte: IL DISPACCIO/ REGGIO CALABRIA : www.ildispaccio.it

Presentato il volume dei percorsi culturali e gastronomici curato dai Rotary

Nell’auditorium dell’Istituto Superiore “R. Piria” è stato presentato il volume redatto dai Rotary Club di Vibo Valentia, Tropea, Nicotera Medma, Polistena e Reggio Calabria, con la partecipazione degli studenti e docenti degli Istituti Superiori “R. Piria” di Rosarno, Liceo “Richichi” di Polistena e dei ragazzi dell’Interact di Vibo Valentia, Nicotera Medma, Reggio Calabria e dei Rotaract di Vibo Valentia, Tropea, Nicotera Medma e Reggio Calabria, edito dalle Grafiche Romano di Tropea, dal titolo “Il Rotary per la valorizzazione del territorio e delle tradizioni” – ‘Storia – Leggende – Miti – Cultura – Gastronomia’. Un lavoro che ha descritto, con l’intento di valorizzarli, i beni esistenti nelle città suddette, creando un percorso culturale-gastronomico di altissimo livello. Alla presenza dei Presidenti delle indicate associazioni, dopo l’intervento di apertura del coordinatore del progetto Giacomo Saccomanno, vi sono stati i saluti della docente Vera Violi, con gli interventi degli studenti che hanno partecipato al lavoro, ed a seguire di tutti gli altri partecipanti all’iniziativa. Di grande effetto l’intervento del prof. Pino Lonetti, che ha evidenziato l’importanza del lavoro e della sinergia tra tanti Club, e della prof. Mariangela Preta, che ha segnalato la validità delle notizie storiche e la rilevanza dei monumenti citati e valorizzati.

Infine, Fabrizio Sudano, della Soprintendenza di Reggio Calabria, ha ribadito la valenza delle azioni in rete e la possibilità di valorizzazione dei beni culturali, specialmente se l’attività viene condivisa da più soggetti. E in tale contesto ha ricevuto dal presidente del RC di Reggio Calabria, Dina Porpiglia, il più alto riconoscimento rotariano “Paul Harris”. Nelle conclusioni Giacomo Saccomanno ha ringraziato tutti per la collaborazione, per l’impegno profuso e per i risultati raggiunti, chiedendo che il volume fosse dedicato -con accettazione generale- a Natale Pagano, fondatore del Museo Diocesano, che ha speso una vita nella ricerca dei reperti che gli hanno consentito di mettere su tale importante struttura. Hanno partecipato all’incontro e sono intervenuti i presidenti dei Rotary Club sopra indicati nelle persone di Sonia Lampasi, Ugo Sammartino, Francesco Rotolo, Francesco Crudo, Nuccia Marrari, Andrea Saccomanno, Dina Porpiglia e Franco Prampolini.

Fonte: ildispaccio.it

link articolo:http://ildispaccio.it/letture/248414-presentato-il-volume-dei-percorsi-culturali-e-gastronomici-curato-dai-rotary

Creato Giovedì, 02 Luglio 2020 13:13

Cittadella del Capo (CS) Le misteriose fiere di San Giovanni e San Gaetano

La Fiera di San Giovanni e  quella di San Gaetano sono due eventi molto noti per la popolazione bonifatese e quella limitrofa, delle quali però se ne sente parlare raramente nella cronaca meridionale, probabilmente per via delle molte disconoscenze riguardo alle festività locali. Nonostante ciò ad esse vi giungono ogni anno innumerevoli persone, dagli stessi abitanti del posto e dintorni al gran numero di turisti che villeggiano lungo la costiera tirrenica. La nascita di queste due ricorrenze si può accostare alla grande fede dei cittadini di Bonifati, specialmente a quella di coloro che fanno parte della frazione di Cittadella del Capo. La loro origine è anche dovuta alla volontà dei paesani di mettere in mostra gli oggetti di artigianato fatti a mano. Poiché i cittadini erano molto devoti a San Giovanni e San Gaetano il comune decise di celebrarli con due fiere, rispettivamente il 24 Giugno e l’ 8 Agosto. Questa tradizione risale addirittura ai primi anni del ‘900. Vi erano parecchi commercianti che portavano i loro prodotti, di qualsiasi tipo, da vendere poi alla popolazione. Si chiamano per l’appunto “fiere” poiché i beni che si possono acquistare costano di meno rispetto a quelli venduti in negozio. Varie e distinte sono le bancarelle, tra le quali si possono identificare quelle agroalimentari con prodotti tipici e non, quelle di vestiario, quelle di bigiotteria. Entrambe le fiere si estendono per tutto il lungomare e lungo la salita che porta alla Chiesa di San Michele Arcangelo. I mercanti sono soliti arrivare prima del sorgere dell’alba, persino durante la notte, così da avere il posto migliore dove posizionare la propria bancarella, per poi lasciare il paese intorno alle 14:00. Questi eventi sono molto caratteristici per il centro abitato, specialmente per l’atmosfera che si crea attorno grazie al ritrovo di tutti i compaesani. Sono speciali soprattutto per i bambini, i quali non aspettano altro che arrivino questi giorni per comperare qualche giocattolo insieme ai propri nonni o genitori. Sono vere e proprie giornate di svago per la gente di Bonifati, ricorrenze in cui ogni cittadino sfrutta per ritrovarsi con l’intera famiglia o con qualche amico. Attorno a queste fiere sono nati molti detti e leggende popolari. Si narra infatti che San Gaetano e San Giovanni prendano un’anima tra le persone che decidono di farsi il bagno a mare in quei determinati giorni. Tale leggenda è stata inventata dalle madri per non far andare i propri figli in spiaggia mentre loro erano impegnate nel fare compere alle bancarelle. Nonostante ciò molti continuano a credere in questi detti popolari, magari anche per scaramanzia. Numerosi sono anche i miei ricordi d’infanzia riguardo queste due particolari tradizioni, per tale motivo spero possano continuare ad esistere per molti anni, con la speranza che la fiera di San Giovanni e quella di San Gaetano possano essere conosciute anche al di fuori della costa tirrenica.

Testo gentilmente fornito da Lucio Borrelli.

Foto di Piergiorgio Natalini

Parte Educational Tour alla scoperta dei luoghi turistici calabresi

A ridosso della fine del lockdown legato all’emergenza sanitaria coronavirus, la Camera di Commercio di Vibo Valentia è già pronta per la fase della ripartenza con programmi e strategie a sostegno delle imprese e, in particolare, di quei settori che movimentano le filiere produttive e fanno da traino a tutta l’economia locale.

A fare da protagonista, dunque, ancora una volta il turismo a cui l’Ente, soprattutto in questa fase di avvio della stagione estiva, guarda con particolare attenzione mettendo in campo azioni dirette o, anche, intercettando iniziative di grande interesse e di grande utilità per la visibilità e la promozione di imprese e prodotti di eccellenza, e più complessivamente, dell’attrattività del territorio da proporre quale meta di vacanze e grandi eventi.

In questa direzione e per far fronte alla particolare situazione di difficoltà in cui versa l’attuale mercato turistico, l’Ente ha infatti aderito al programma Wedding & Press Undiscovered Italy Tour Calabria, organizzato dall’agenzia di incoming Antoior Travel and Event srls in partnership con la Wedding&Events planner Madreperla Daniela Corti.

Il programma prevede la visita di alcune località turistiche calabresi, tra cui, nel vibonese, Pizzo e Tropea, da parte di una delegazione di circa 20 travel blogger e giornalisti specializzati and destination planners italiani ed esteri che, dal 22 al 25 giugno p.v., si muoverà nella nostra regione per individuare location ottimali per meeting e grandi eventi, anche a carattere internazionale, riservati a target medio-alti, alla ricerca di benessere coniugato all’alta qualità.

Il gruppo, che farà base a Roccella Ionica, visiterà la provincia di Vibo Valentia il 22 sera e nella successiva mattinata del 23 Giugno, dove, accolti dal Presidente della Camera di Commercio Sebastiano Caffo, e dal Segretario Generale Bruno Calvetta, avranno modo di conoscere alcune tra le località di maggior attrattività turistica della nostra provincia.

“Un’occasione importante –dice il Presidente Caffo- per riparlare del nostro territorio e riattivare la sua economia dopo il periodo di chiusura forzata che ha penalizzato particolarmente quel sistema produttivo che ora attende e merita attenzione, fiducia e soluzioni concrete. Presentare le nostre migliori risorse a interlocutori nazionali e internazionali qualificati, appunto stampa specialistica e organizzatori di grandi eventi, è un modo per garantire ampia divulgazione e promozione della nostra offerta territoriale e della capacità delle nostre imprese di filiera di riuscire ad assicurare servizi di accoglienza coerenti con le richieste di un mercato sempre più esigente e orientato al lusso o, quantomeno, alla massima soddisfazione delle proprie aspettative e necessità”.

“Anche questa volta –sottolinea il Segretario Generale Bruno Calvetta- la Camera di Commercio di Vibo Valentia si è mossa coinvolgendo le imprese, invitando, a mezzo avviso pubblico, le strutture alberghiere di alto livello (5 stelle o 4 stelle superiore) presenti nelle aree di Pizzo e Tropea-Ricadi a proporre la propria candidature al fine di poter essere presentate, anche successivamente al completamento dell’educational tour, alla relativa delegazione per verificare la definizione di possibili accordi commerciali futuri. Abbiamo investito in questa azione con un obiettivo di breve termine, ovvero avviare una necessaria ripresa dell’economia locale, e un altro di lungo termine, che è quello di rendere il territorio stabilmente protagonista in un settore, quello turistico, strategico e altamente remunerativo”.

Fonte: Il Dispaccio – Reggio Calabria – Creato Sabato, 20 Giugno 2020 12:57

Sito: www.ildispaccio.it

Link dell’articolo: http://ildispaccio.it/vibo-valentia/247472-parte-educational-tour-alla-scoperta-dei-luoghi-turistici-calabresi

In cucina per la ricerca contro il Neuroblastoma: tante video ricette al cioccolato da tutta Italia. Dalla Calabria la cake designer Claudia Losardo di Cetraro

La ricetta della felicità è semplice. Bastano pochi ingredienti: condivisione, creatività, un buon palato, un pizzico di manualità, un uovo al cioccolato e tanto divertimento, senza dimenticare l’ingrediente più importante, la solidarietà. Protagonisti sono oltre 20 chef da tutta Italia, testimonial dell’iniziativa “In Cucina per la Ricerca”, promossa dall’Associazione del Bambino con l’Imbuto, che dal 1993 sostiene la ricerca scientifica che dona vita ai bambini malati di Neuroblastoma. Hanno ideato ricette semplici e golose, da rifare a casa: mousse, crostate, cookies, brownie, tortino al cioccolato, torta caprese e perfino un cocktail. Non ci sono controindicazioni, né limiti di età: meglio se si coinvolge tutta la famiglia, anche i più piccoli, nella preparazione. Con un solo obiettivo: sostenere la campagna “Cerco un uovo amico”, che continua fino al 15 giugno, per dare speranza ai bambini malati, prenotando online su noicimettiamo.org le uova solidali,ingredienti essenziali delle video ricette realizzate da chef, pasticceri, gelatieri, cioccolatieri, bar tender e food blogger da tutta Italia.

La ricetta della felicità è semplice. Bastano pochi ingredienti: condivisione, creatività, un buon palato, un pizzico di manualità, un uovo al cioccolato e tanto divertimento, senza dimenticare

Testimonial dalla Calabria è Claudia Losardo di Cetraro, un piccolo paese in provincia di Cosenza, con la ricetta “Cake art”, una golosa torta vegana pere e cioccolato.

 Claudia si è avvicinata da 6 anni al mondo della pasticceria e del cake design, formandosi in diverse scuole in giro per l’Italia. La passione è diventata ben presto il suo lavoro, organizza eventi e realizza magnifiche torte, ma non solo. Ha voluto dare un senso più profondo a quello che fa e ha deciso attraverso l’organizzazione di concorsi e manifestazioni di cake design di sostenere alcune associazioni a scopo benefico e regalare speranze a chi è affetto da gravi patologie, come il Neuroblastoma, che ha conosciuto da vicino, avendo perso una cugina in giovane età. “La vita è una cosa meravigliosa – sostiene – anche se molto complicata e chi ce l’ha ha il diritto di difenderla e per questo mi sento in obbligo di valorizzarla e di dare un senso alla mia”.

I fondi raccolti saranno devolutial Progetto GENEDREN, un importante progetto di genomica, unico nel suo genere in Europa: “Mai come oggi abbiamo la consapevolezza che la Ricerca è vita” sostiene Sara Costa, presidente dell’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma e mamma di Luca, un bimbo che ha lottato per la vita e non ce l’ha fatta. “Fino a pochi anni fa, dalla forma più grave di Neuroblastoma guariva meno di un bambino su dieci. Adesso, grazie anche al sostegno dalla nostra Associazione, a salvarsi è più di un bambino su tre. Ma questo non ci basta: per questo la Ricerca non si può fermare!”. È importante un grande impegno collettivo, perché la solidarietà è l’unica forma di contagio che fa bene!

Hanno partecipato al progetto anche lo chef stellato Paolo Griffa del Ristorante Petit Royal del Grand Hotel Royal e Golf di Courmayer (AO) dalla Valle d’Aosta; lo chef imprenditore Paolo Ferralasco dei ristoranti Zupp, Maniman, Banano Tsunami e Kitchen di Genova per la Liguria; la bartender Cinzia Ferro dell’Estremadura Cocktail Bar e lo chef Danilo Bortolin del Grand Hotel Majestic-Ristorante La Beola di Verbania, lo chef Matteo Sormani della Locanda Walser Schtuba a Riale Formazza (VB), lo chef e imprenditore Roberto Buffa di Pizza Sì-EventX di Biella e Simone Salerno, ilpastry chef e maître chocolatier toscano di Chocolat a Gassino Torinese (TO) dal Piemonte; il pastry chef Fabio Longhin della Pasticceria Chiara di Olgiate Olona (VA) e le blogger Federica Visconti (tasteofstyle.it) e Valeria Airoldi (fitfood.it) di Lissone (MB) dalla Lombardia; Cecilia Mansani, blogger di origine toscana che vive a Treviso (deliciousbreakfast.it) dal Veneto; il gelatiere e cioccolatiere Paolo Brunelli di Senigallia (AN) dalle Marche; la naturopata Valentina Ganz dall’Umbria; le food blogger Claudia Di Francesco (clofoodblogger) e Carla De Iuliis (carlalacontessina) di Teramo per l’Abruzzo; la chef Iside De Cesare del ristorante La Parolina (1 stella Michelin) di Trevinano (VT) dal Lazio; lo chef e volto televisivo Antonio Paolino (Attenti al cuoco–Sky, Detto fatto-Rai2, Casa Alice-Alice Tv) di Angri (SA) e la blogger Francesca Landi (Sorelle in Chic foofblog &Style) di Baronissi (SA) per la Campania; la chef Alessandra Civilla dell’Alex Ristorante di Lecce per la Puglia; anche Barbara Esposito della pasticceria Le Bontà Artigianali di Amaroni (CZ) dalla Calabria; la pastry chef Enza Scuderi di GiòSì Cake and Sweet di Catania per la Sicilia e Michele Peano di Dolci Peano di Ozieri (SS) dalla Sardegna. www.neuroblastoma.org

Ufficio Stampa: Mariella Piscopo 3291273493, Cristina Barberis Negra 3480117332, ufficiostampa@neuroblastoma.org

===========================================================================================

Fonte: IL DISPACCIO -Reggio Calabria

Sito ildispaccio.it

Link Articolo: http://ildispaccio.it/cosenza/245923-in-cucina-per-la-ricerca-contro-il-neuroblastoma-tante-video-ricette-al-cioccolato-da-tutta-italia-dalla-calabria-la-cake-designer-claudia-losardo-di-cetraro

=============================================================================================

Da Torino a Reggio Calabria in Frecciarossa: nuovi collegamenti senza cambi intermedi disponibili dal 3 giugno

Da oggi disponibili nei sistemi di vendita di Trenitalia i biglietti del Frecciarossa che dal 3 giugno, per la prima volta, collegherà senza cambi intermedi Torino con Reggio Calabria.

Inoltre, per collegare anche la Sicilia alle città servite dall’Alta velocità, insieme al biglietto delle Frecce sarà possibile acquistare anche quello della nave veloce BluJet (Gruppo FS Italiane) fra Villa San Giovanni e Messina. Gli orari delle navi e dei treni sono integrati per garantire un facile interscambio fra i due mezzi di trasporto.

Il collegamento giornaliero in Frecciarossa da e per Reggio Calabria è la principale novità dell’offerta di Trenitalia (Gruppo FS Italiane) che da inizio giugno prevede 74 Frecce e 48 InterCity sulle principali direttrici del Paese, raddoppiando il numero di treni a disposizione dal secondo step della Fase 2 dell’emergenza sanitaria COVID-19, iniziato il 18 maggio.

L’offerta di Trenitalia cresce con un numero di collegamenti congruo alla richiesta di mobilità di questo periodo, tenendo conto della disponibilità di posti al 50% per il sistema di prenotazione “a scacchiera” che garantisce il rispetto del distanziamento sociale.

Dal 3 giugno, a disposizione dei viaggiatori da e per la Calabria, anche i due Frecciargento fra Bolzano e Sibari. Hanno invece viaggiato già durante la Fase 1 dell’emergenza sanitaria, i Frecciabianca che collegano Roma alla Calabria.

L’impegno di Trenitalia è continuare ad avere la massima attenzione alle esigenze delle persone, salute e igiene prima di tutto. A bordo di Frecciarossa e Frecciargento è distribuito un safety kit gratuito (mascherina, gel igienizzante per mani, guanti in lattice e poggiatesta monouso), insieme a una lattina d’acqua per tutti i passeggeri. Inquadrando con lo smartphone il QR code posizionato sui tavolini, i passeggeri possono visualizzare le informazioni sulle attività e i processi di pulizia e sanificazione dei treni.

“Con questo nuovo collegamento – dichiara Gianfranco Battisti, Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo FS Italiane – per la prima volta il Frecciarossa arriva a Reggio Calabria. Il treno simbolo dell’eccellenza italiana nell’Alta velocità collegherà Reggio Calabria al Sistema AV. Un nuovo servizio che avvicina le persone, nel momento in cui il Paese deve ripartire. L’arrivo del Frecciarossa contribuirà alla ripartenza e al rilancio dell’economia e del settore turistico della Calabria e dell’intero Sud Italia”

Fonte: IL DISPACCIO / Sito: www.ildispaccio.it

Link Articolo: http://ildispaccio.it/calabria/245207-da-torino-a-reggio-calabria-in-frecciarossa-nuovi-collegamenti-senza-cambi-intermedi-disponibili-dal-3-giugno

Turismo: incontro tra l’Assessore al Turismo Fausto Orsomarso e delegazione del neo Movimento Autonomo Agenzie di Viaggi e Tour Operator della Calabria

Si è svolto martedì 26 aprile presso la Cittadella Regionale un incontro con l’Assessore al Turismo Fausto Orsomarso ed una delegazione del neo Movimento Autonomo Agenzie di Viaggi e Tour Operator della Calabria. All’incontro ha partecipato il referente del movimento Giovanni Giordano e i componenti della delegazione Giuseppe Canzonieri, Mario Catanzaro, Carmelo Maiolino, Gianpietro Riccio e Gianpiero Tauro, il quale ha evidenziato lo stato di disagio economico finanziario che sta attraversando la categoria delle Agenzie di Viaggi e TO a causa del diffondersi della pandemia legata al Covid 19. Giordano ha sottolineato alcuni punti indispensabili affinché si possa ripartire al più presto quali: 1) Liquidità immediata a fondo perduto. 2) Azzeramento delle tasse regionali per il 2020 e 2021. 3) Abolizione della tassa regionale per le agenzie di viaggi (unica Regione in Italia a pagare questo tributo). 4) Decretare lo stato di crisi del settore turistico. 5) Istituzione dello sportello antiabusivismo. Sulle specifiche richieste l’onorevole Orsomarso ha fatto sapere che il 4 maggio saranno pubblicate le linee guida della misura Riparti Calabria dove è previsto lo stanziamento di 150 milioni di euro. Per quanto riguarda l’abolizione della tassa regionale 2021 l’assessore ha garantito che proporrà in bilancio la cancellazione della stessa. Dunque rimangono ancora aperte tutte le istanze. Nonostante ciò ringraziamo l’Assessore, spiega Giordano, per averci dato la possibilità ad esporre i nostri problemi e soprattutto per aver dimostrato sensibilità istituzionale alle nostre richieste, manifestando l’impegno nel trovare delle soluzioni in modo da far ripartire le nostre attività. Inoltre abbiamo dato la nostra disponibilità, continua Giordano, a confrontarci con l’Assessorato al Turismo per eventuali tavoli di concertazione al fine di delineare insieme soluzioni o strategie per accrescere le potenzialità che ha la nostra Regione dal punto di vista turistico.Confidiamo nell’impegno dell’Assessore Orsomarso affinché possa dare in tempi brevi il giusto impulso alle soluzioni della pesante situazione che stanno vivendo gli agenti di viaggio, a causa dei mancati guadagni che ci saranno per tutto il 2020 e per buona parte del 2021. Infatti, molti colleghi, alcuni di loro con alle spalle 25/30 anni di attività, sono a rischio chiusura a causa dei numerosi costi da sostenere.

– – – — – – – – – – — – – – – — – – – – — – – – — – – – – – — – – – – — – – – – – — – – – – – – – – – – – – – – — – – – —

Fonte: IL DISPACCIO – www.ildispaccio.it

Link aticolo: http://ildispaccio.it/calabria/243666-turismo-incontro-tra-l-assessore-al-turismo-fausto-orsomarso-e-delegazione-del-neo-movimento-autonomo-agenzie-di-viaggi-e-tour-operator-della-calabria

PAOLA – FESTA 4 MAGGIO – TUTTO IN UNA GIORNATA

Tutto verrà concentrato nel giorno 4 maggio con la presenza della governatrice Santelli presso il Santuario paolano

PAOLA – Come avevamo anticipato giorni fa, i minimi di Paola e il sindaco, dopo aver ricevuto le dovute autorizzazioni legate al periodo pandemico, hanno elaborato un programma di una sola giornata (4 maggio) per onorare la figura di San Francesco di Paola.

ECCO IL COMUNICATO DEI PADRI MINIMI

“Carissimi fratelli e sorelle,
in piena sintonia con il sig. Sindaco, avv. Roberto Perrotta e con l’Amministrazione
comunale della Città, considerata la straordinaria emergenza sanitaria causata dal dilagare
del nuovo coronavirus (covid-19) si rende noto che «per questo anno, S. Francesco vuole che lo
festeggiamo nel nostro cuore per scoprire sempre di più il segreto della sua santità, con la preghiera,
la lettura della sua vita e la possibilità di poter fare anche noi un cammino di conversione e di
amicizia con Dio» (mons. Francesco Nolè). I festeggiamenti purtroppo subiranno un
ridimensionamento e confluiranno tutti alla sola giornata del 4 maggio.
E pertanto, sarà possibile seguire la celebrazione rimanendo in casa, attraverso i
consueti mezzi di comunicazione: pagina Facebook “Santuario Regionale San Francesco di
Paola”; canale YouTube “Santuario Regionale San Francesco di Paola” e sito ufficiale del
Santuario “www.santuariopaola.it“.
Vi invitiamo ad ornare a festa i balconi e le finestre delle vostre abitazioni,
utilizzando fiori, drappi e luci. Manteniamo viva nelle case la fiaccola della fede,
attraverso la preghiera personale e familiare; lo vuole s. Francesco, il quale ci esorta a
vivere l’attuale condizione di emergenza in grazia di Dio e nell’amore vicendevole.
PROGRAMMA
ore 11: Solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta da S.E.R. mons. Francesco Nolè,
Arcivescovo Metropolita di Cosenza-Bisignano, alla presenza dei religiosi Minimi, dei Parroci
della Città e di una rappresentanza delle autorità civili e militari.
ore 12: interventi istituzionali da parte del Presidente della Regione Calabria, on. Jole
Santelli e del sig. Sindaco della Città, avv. Roberto Perrotta – Atto di Affidamento della
Regione al Santo Patrono, simbolica consegna delle chiave d’oro della Città e omaggio”

Fonte: Mimmo Abramo Notizie

Link Articolo:

https://www.mimmoabramonotizie.it/festa-4-maggio-tutto-in-una-giornata/?fbclid=IwAR0YDFuvyQ_r4Le30H92FpNLAEAtQyVKLOza7NlKMXVjgW5TTCIci1keIZc

Cariati su rivista nazionale “Dove”

La possibilità di raggiungere anche a piedi la cittadella medievale fortificata direttamente sbarcati nel porto turistico-peschereccio; la condizione favorevole di vicinanza tra le acque dello jonio ed il borgo unico nel suo genere. Siamo di fronte a marcatori identitari e distintivi che insieme possono rappresentare un vantaggio competitivo nella sfida che tutte le comunità locali sono chiamate a governare, per trasformare gli effetti negativi sul turismo derivanti dalla fase di emergenza e quarantena in opportunità di rilancio strategico delle proprie risorse. Cariati ha tutte le carte in regola per proporsi sin da subito, insieme al territorio tra le destinazioni di quel turismo di prossimità che da più parti si indica come unica via d’uscita per rilanciare l’economia nell’imminente fase 2.

 È quanto dichiara, a nome dell’Esecutivo Greco, il Sindaco facente funzioni Ines Scalioti sottolineando la necessità di rilanciare e valorizzare, ora come non mai, il ruolo della storica ed importante infrastruttura portuale quale trait d’union strategico rispetto alle diverse possibilità di turismo sostenibile ed esperienziale, fruibili e proponibili nell’hinterland di Cariati, come porta d’ingresso verso l’entroterra.

 Opportunità ed offerta che non sono sfuggite alla zoomata di DOVE, rivista nazionale, tra le più seguite e lette del settore, che nello speciale dedicato a diverse aree della regione dal titolo Mitiche Acque ha avvicinato la sua lente anche su Cariati e sulla sua posizione strategica rispetto agli altri porti dello jonio. Prendiamo il largo, è la sezione dedicata al turismo da diporto e agli spostamenti in barca a vela.

Dalla mobilità lenta a misura d’uomo al turismo balneare che negli anni ha fatto della cittadina jonica una meta privilegiata dalle famiglie per la qualità delle sue spiagge e dei servizi offerti, fino alla singolarità del suo centro storico con l’importante capacità ricettiva diffusa che in questi anni si sviluppata. Cariati – sottolinea– è pronta ad organizzarsi non solo in termini di programmazione, già dalla settimana entrante, di tutti i servizi indispensabili alla ricettività ma anche per uno sforzo progettuale che coinvolga pubblico e privato, finalizzato ad interpretare insieme agli altri comuni un ruolo da protagonista in questa fase nuova e delicata, scandita anzi tutto dall’attenzione massima alla sicurezza, ma anche dalla propensione diffusa ad una dimensione sostenibile della vita e quindi dello stesso turismo che è – conclude la Scalioti, esprimendo soddisfazione per l’attenzione mediatica nazionale registrata – la vera novità su cui riflettere ed una delle eredità positive che ci lascia questa brutta crisi.

Fonte: Il Dispaccio

Link articolo:  http://ildispaccio.it/cosenza/243652-cariati-su-rivista-nazionale-dove

www.ildispaccio.it

Sant'Angelo di Cetraro (CS)

 

     
Fai clic qui per disattivarlo.